Occidente

Multipolarismo è liberazione internazionale

Viviamo in una fase storica nella quale lo sviluppo multipolare del mondo è ormai innegabile e inesorabile, e contribuirà a mutare significativamente il mondo nei decenni a venire. Tuttavia l’affermazione di questo processo non è esente da contraddizioni: da un lato ci sono spinte verso la multipolarizzazione, (sostenute soprattutto dai Paesi del Sud del Mondo,

L’avviso (finale) del Fondo Monetario Internazionale all’Impero Americano

Da L’AntiDiplomatico. Abbiamo sempre sottolineato che questa enorme crisi geopolitica in corso abbia una origine di tipo economico e monetario. Del resto solo le persone ingenue possono credere che agenti razionali come sono gli USA (o per meglio dire le sue élites) possano rischiare la distruzione di buona parte del mondo a causa di una

Colonialismo linguistico e anglicizzazione dell’italiano

Da La Fionda. Il colonialismo anglosassone nel nostro sistema d’istruzione, dalle materne all’università, non si ferma. Il colonialismo linguistico inglese ci costa oltre 65 miliardi l’anno, quanto tre finanziarie messe insieme ma anche i “sovranisti” sono “sorvolisti”. È ora, già tarda, di decolonizzare: lo esigono i Diritti umani, la Democrazia, la Libertà, i nostri soldi, la Repubblica

Il trattato pandemico e la visione cinese

Da L’AntiDiplomatico. La pandemia di Covid-19 che ha sconvolto il mondo per più di due anni ha contribuito profondamente a catalizzare diverse tendenze trasformative presenti nel nostro mondo. Essa ha anche esposto numerosi punti deboli della società contemporanea, dalla fragilità dell’economia globalizzata all’arretratezza di un sistema sanitario globale fondamentalmente legato a una visione monopolistica e

Chi è Irene Cecchini. Breve intervista alla studentessa di 22 anni che ha parlato con Putin

Da La Stampa, che ha cercato di ridicolizzare una studente italiana all’estero solo perché fare una domanda al presidente russo e vivere, studiare in Russia testimoniando la falsità della narrativa occidentale smonta del tutto il castello di carta montato da anni dai media italiani (La Stampa inclusa). «Quella che vedete in Italia non è la

Gli indigeni sono più felici di noi: il più grande studio sul tema smonta il modello occidentale

Da L’Indipendente. Lunedì 5 febbraio un team di ricerca dell’Istituto per la Scienza e la Tecnologia Ambientali dell’Università Autonoma di Barcellona (ICTA-UAB) ha pubblicato un articolo sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), nel quale mostra come i membri delle società che non ruotano attorno al benessere materiale presentano un grado di soddisfazione paragonabile a

Sulla pedagogia di una relazione veramente internazionale

Da Geopolitika.ru. È possibile insegnare relazioni internazionali veramente “globali”? Questa domanda è un presupposto poco esaminato al centro di Global International Relations e Worlding Beyond the West. Questi due movimenti di riforma hanno lanciato sfide teoriche dirette all’eurocentrismo degli studi convenzionali sulle relazioni internazionali e, negli ultimi dieci anni e più, hanno prodotto un corpo

Il viaggio europeo della Russia è finito. Intervista a Sergey Karaganov

Da Geopolitika.ru. In termini di centro di potere globale, il Vecchio Mondo è finito. Mosca lo capisce, ma i nostri ex partner continuano a negarlo. Non molto tempo fa, il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha detto: “L’Unione Europea deve essere pronta alla guerra entro la fine del decennio”. Berlino ha iniziato a parlare

Il fascismo allora e oggi

Da Geopolitika.ru. Quando si parla di fascismo, ognuno di noi di solito fa le proprie associazioni. In Russia è associato alla Seconda Guerra Mondiale e alle numerose vittime del popolo sovietico. In America Latina, ricorda le tristi esperienze delle dittature. In Europa, ricorda i propri esperimenti politici, che alla fine hanno portato al Tribunale di

Il costo della guerra

Da Inimicizie. La guerra in Ucraina è senza dubbio una guerra per procura tra Russia e NATO. Legittimamente non viene vista così dagli ucraini – che combattono per le loro ragioni – ma dal resto del mondo sì: viene vista così in Russia – come ha ribadito Putin in un discorso denso di informazioni a

Indice